Inaugurati a Pegli i Giardini Peragallo

Riqualificazione dei Giardini Peragallo nel Lungomare di Pegli

I lavori di riqualificazione dei giardini Peragallo si inseriscono nel progetto di completamento della passeggiata sul lungomare di Pegli. Il restyling della passeggiata, realizzata su progetto dell’arch. Orazio Dogliotti nel 2001, ha interessato il tratto compreso tra il ponte sul torrente Varenna e Largo Calasetta, oltre ai marciapiedi lato monte. Tra il 2016 e il 2017 A.S.Ter. ha sviluppato il progetto di completamento del tratto restante di passeggiata, compreso tra Largo Calasetta e il castello Vianson ed è intervenuta con la sostituzione della ringhiera, pericolosa e fuori norma. Nel 2017 la riqualificazione dei giardini Peragallo é stata finanziata ed inserita tra i lavori del programma di manutenzione straordinaria derivante dall’applicazione del contratto di Servizio A.S.Ter./Comune di Genova.

Fino al 1879 l’area dei giardini Peragallo faceva parte dell’arenile prospicente il palazzo nobiliare sorto nel XVI secolo.

I giardini risalgono a fine ‘800, quando, a seguito del successo della stazione balneare di Pegli, venne realizzato un giardino mediterraneo a fianco alla proménade

composizione paesaggistica del giardino è poi stata oggetto di svariate modifiche nel corso di due secoli.

Il progetto, condiviso con l’arch. Dogliotti, è stato approvato dalla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Liguria e dalla Commissione Locale del Paesaggio, aspira a valorizzare gli elementi di pregio che contraddistinguono i giardini.

I giardini Peragallo si estendono per una superficie di 2600 mq;  l’intervento è consistito principalmente nel rifacimento della pavimentazione e dell’impianto di illuminazione pubblica. I bordi aiuola in pietra a grottesco che connotano l’assetto del giardino sono stati conservati e ripristinati. Per non danneggiare il patrimonio vegetale di pregio, costituito da esemplari di Phoenix canariensis e Cycas revoluta sono stati ridotti al minimo gli scavi per la realizzazione della nuova pavimentazione naturale tipo calcestre stabilizzato con fibre tipo Levostab, colore sabbia, già utilizzato in passeggiate alberate, parchi e giardini in città. Ciò è stato possibile anche in considerazione del fatto che la passeggiata a mare era a quota superiore rispetto ai giardini di circa una decina di cm.

Gli arredi storici sono stati recuperati e riposizionati.

La vegetazione arbustiva presente è stata riordinata e sono state messe a dimora nuove fioriture. L’aiuola centrale con il monumento è stata arricchita con l’inserimento di piante bulbose e rizomatose fiorite.

Tutti gli impianti a servizio dell’area pubblica sono stati rinnovati: il vecchio impianto di illuminazione pubblica è stato sostituto da un nuovo impianto a led, con corpi illuminanti  a lanterna di tipo tradizionale;  l’impianto di irrigazione è stato rifatto.

E’ stata implementata la rete di captazione delle acque meteoriche a margine dei giardini sul lato di via Pegli.

Il restauro della fontana ottagonale in pietra di finale è in fase di completamento, oltre al rinnovo degli impianti tecnologici ed all’installazione di un nuovo impianto di illuminazione scenografica, si sta provvedendo al ripristino ed alla pulizia del materiale lapideo di pregio dei rivestimenti e delle statue.