Il 21 Novembre è la giornata in cui l’Italia celebra la festa dell’albero. Simbolo forte della sostenibilità ambientale, elemento per la difesa del quale tutti sono pronti a schierarsi tranne quando la sua presenza intralcia o disturba. Oggi esiste un forte desiderio di riforestazione, ma i boschi, soprattutto in Liguria si stanno rigenerando da soli. Ben più impegnativo è il mantenimento e l’aumento del patrimonio arboreo nelle aree urbanizzate cittadine.

“Piantare alberi, non piantare numeri” vuole mettere l’accento sugli aspetti qualitativi di un processo importante in cui non si tratta di più di considerare l’albero come puro ornamento, ma come elemento funzionale indispensabile per la qualità delle vita in città.

Per questo ASTer ha voluto sostenere il Convegno che si è svolto lunedì scorso, organizzato dall’Associazione Italiana Pubblici Giardini che raccoglie tutti i tecnici che lavorano negli Enti pubblici occupandosi di spazi verdi.

Francesca Neonato, agronomo paesaggista, ha illustrato con semplicità e chiarezza come sia possibile quantificare in valore monetario i servizi ecosistemici forniti dalle aree verdi in città, fornendo chiari elementi valutazione delle stesse e auspicabilmente di pianificazione per il loro miglioramento e maggiore distribuzione. Tutti i dettagli si possono trovare sulla sua recente pubblicazione “Oro Verde” (Edizioni il Verde editoriale) presentato recentemente a Genova in occasione del Festival della Scienza.

Ciro Degl’Innocenti, direttore del verde pubblico del Comune di Padova, agronomo, ha spiegato come il suo Comune sta operando nella realizzazione di un paino completo di gestione delle alberature cittadine che diventerà parte integrante del “Piano del verde” in corso di studio.

Pierpaolo Grignani, dottore forestale, responsabile dell’Ufficio del Verde del Comune di Genova, ha raccontato gli interventi finanziati dalla Regione Liguria con fondi europei per il miglioramento delle aree boscate del Comune di Genova e le iniziative attuate con i cittadini di recupero delle aree montane genovesi.

Giorgio Costa, agronomo di ASTer ha fatto il punto sui numerosi interventi di reimpianto delle alberature stradali, realizzati con buoni risultati da ASTer in numerose vie di tutta Genova, compresa la più recente in Viale Canepa a Sestri ponente. L’obiettivo è stato di metter a fuoco l’importanza di avere piante giovani che crescano e siano in grado di fornire servizi ecosistemici sempre più indispensabili per la città.

Il convegno ha avuto il patrocinio, oltre che di ASTer, del Comune di Genova, dell’Ordine Regionale dei dottori Agronomi e Forestali della Liguria ed è stato condotto da Riccardo Albericci, delegato regionale dell’Associazione Italiana Pubblici Giardini.

Un ringraziamento particolare al Trust Doria Pamphilj, gestore del Palazzo del Principe che ha ospitato l’evento in una location prestigiosa e ai numerosi partecipanti, in particolare addetti ai lavori che hanno seguito con interesse tutte le relazioni.