SICUREZZA

E’ in corso di svolgimento il progetto aziendale attuattivo dell’accordo Stato-Regioni, per la formazione dei lavoratori, ai sensi dell’art.37 del D.Lgs n°81 del 9/04/2008, integrato con il D.Lgs 106 del 2009. Lo schema qui riportato illustra la suddivisione degli incarichi in merito.

schema dell'organigramma della sicurezza in azienda

Politica della Sicurezza

A.S. Ter, nella realizzazione delle proprie attività, considera la salute delle persone, la sicurezza sul lavoro e la protezione dell’ambiente un dovere primario, un impegno continuo e una componente costante della propria missione.
La Direzione A.S.Ter Spa, attraverso questo documento, e nella consapevolezza di rientrare nel campo di applicazione del D.Lgs n.106/2009, intende definire e comunicare a tutto il personale gli obiettivi da perseguire nel campo della prevenzione e del controllo degli incidenti per la salvaguardia dei lavoratori, della popolazione e dell’ambiente.
La Società, fa proprie le linee guida in materia di sicurezza, igiene industriale e protezione ambientale ed è impegnata a:

=
Comunicare con le parti interessate e coinvolgerle, attivando appropriati canali di comunicazione al proprio interno, tesi ad assicurare un continuo e proficuo scambio con tutto il personale e verso l’esterno in particolare, con gli organi di vigilanza.
=
Curare in particolar modo la comunicazione, sia all’interno dell’azienda, sia al suo esterno, in primo luogo nei confronti dei clienti, la cui soddisfazione è considerata un elemento determinante per il successo dell’organizzazione, dei fornitori, delle autorità istituzionali e della comunità circostante.
=
Fare in modo che tutto il personale sia coinvolto in un processo continuo e strutturato d’acquisizione e miglioramento della sicurezza, coordinato e verificato dal responsabile del servizio sicurezza.
=
Elaborare e mettere a punto piani di sicurezza contenenti misure e procedure necessarie a prevenire eventi accidentali o situazioni di emergenza nonché misure per contenerne gli effetti negativi, da adeguare in funzione dell’evoluzione delle attività.
=
Eseguire con frequenza definita le attività di riesame della direzione, teso alla verifica della presente politica, degli obiettivi, del sistema integrato in generale, del dvr e dei suoi allegati, verificandone coerenza, adeguatezza ed appropriatezza.
=
Favorire la scelta di fornitori che operino secondo i principi definiti nella politica della sicurezza e salute sul lavoro, impegnandoli a mantenere comportamenti coerenti con essa.
=
Formulare obiettivi di miglioramento continuo delle prestazioni di sicurezza.
=
Fornire le risorse, compatibilmente con i budget disponibili, necessarie a garantire un sistema di gestione della sicurezza adeguato alla realtà aziendale.
=
Gestire prodotti e utilizzare procedure che garantiscono la sicurezza dei lavoratori e di terzi interessati.

I lavoratori sono coinvolti, anche tramite i loro rappresentanti per la sicurezza, nell’applicazione dei principi basilari di prevenzione e protezione e sono sensibilizzati a sentirsi in prima persona responsabili della sicurezza, della salute e del benessere proprio e dei colleghi.
Il personale esterno è tutelato nel corso dell’attività che svolge presso le strutture di ASTer, grazie ad un’attenta valutazione preliminare dei possibili rischi di interferenza a cui può andare incontro e ad una puntuale formazione ed informazione preventiva sulle procedure aziendali interne e sulle precauzioni da prestare sul luogo dove svolgerà il suo lavoro.

Invogliare i fornitori ad adottare un adeguato sistema di gestione qualità e sicurezza.
La responsabilità nella gestione della sicurezza si estende all’intera gerarchia aziendale, a partire dal datore di lavoro, che se ne fa carico in prima persona, fino a raggiungere ogni singolo lavoratore, ciascuno secondo le proprie attribuzioni e competenze.
La sicurezza del servizio non può essere affidata alla “buona volontà”, alla fortuna o alla sola competenza professionale del singolo, ma si deve tradurre in un pianificato ed organico programma d’intervento.
Mantenere attive e aggiornate le procedure di gestione e sorveglianza per il costante controllo della salute e dell’incolumità del personale e per gli interventi da effettuare nel caso in cui vengano individuate situazioni di non conformità, anomalie ed emergenze.

Nell’ambito dell’organizzazione vengono individuate alcune risorse specifiche a cui si affida la responsabilità di applicare le linee guida aziendali in materia di sicurezza e salute sul lavoro, eseguendo non solo un controllo dell’osservanza delle direttive aziendali ma anche un lavoro di costante verifica dell’efficacia delle direttive stesse.

Ogni incidente, mancato incidente o comportamento non corretto è puntualmente registrato ed analizzato, i dati raccolti sono diffusi ed utilizzati per un costante riesame della valutazione dei rischi, al fine di evitare il ripetersi dell’evento.
Perseguire un continuo miglioramento della gestione della sicurezza aziendale, attraverso l’individuazione dei rischi associati alle attività svolte e la definizione di obiettivi per la loro riduzione, in accordo con i piani di sviluppo e con il budget disponibile.

Promuovere attività di formazione, informazione e sensibilizzazione, coinvolgendo tutto il personale aziendale rendendolo consapevole dei suoi obblighi individuali e dell’importanza di ogni sua singola azione per il raggiungimento dei risultati attesi e della sua responsabilità in materia di qualità, protezione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Ridurre la produzione dei rifiuti ed il consumo di risorse.

Sono stabiliti, impiegati e riesaminati periodicamente degli specifici indicatori di performance per il monitoraggio costante dell’efficacia del sistema di gestione della sicurezza.

Tutte le leggi sulla sicurezza vengono attentamente osservate, la normativa è seguita nella sua continua evoluzione dalle funzioni competenti e trasmessa periodicamente in una raccolta aggiornata all’interno del gruppo; in assenza di leggi in alcuni ambiti, vengono applicati tutti i provvedimenti considerati più utili ed efficaci ai fini della prevenzione.

– Documento approvato dal CDA di A.S.Ter. in data 4 dicembre 2012 –